Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
Get the Flash Player to see this rotator.
Tu sei qui: Portale Attività Distretto culturale Il sistema dei musei e delle mostre
sabato 23 settembre 2017
PIT

Progetti Integrati Territoriali

 

Il sistema dei musei e delle mostre

 

Il sistema dei musei e delle mostre

 

  • Emergenze archeologiche

Siti archeologici -Rinvenimenti in alcune aree della provincia di Isernia fanno supporre che queste fossero abitate già in epoca preistorica; siti che lasciano presupporre stanziamenti di popolazioni sono stati individuati dai sanniti. Le aree archeologiche sono caratterizzate inoltre dai resti di fortificazioni sannitiche nonché da complessi nei quali sono riconoscibili luoghi destinati al culto.

Archeologia industriale – Comprende il patrimonio degli edifici per attività produttive dimessi in parte o del tutto che costituiscono una importante testimonianza dei sistemi produttivi tipici dei luoghi ( archeologia industriale. Si segnalano i mulini, le fornaci, i pastifici che spesso sono anche nella condizione di rudere.

 

  • Beni storico-artistici mobili

Reperti archeologici – Sono i ritrovamenti presso i siti archeologici che possono trovarsi o in sito o presso musei . Gli scavi di sbancamento avvenuti nel 1978, in occasione della costruzione della Trignina, hanno riportato alla luce un accampamento paleolitico. Attraverso questo giacimento è stato possibile avere e conservare una ricca documentazione sulla civiltà dell'Homo-erectus che testimonia la presenza dell'uomo, in questi luoghi sin dall'età quaternaria. I siti più importanti sono a S.Vincenzo A Volturno e a Pietrabbondante mentre vi sono siti minori che si intendono analizzare, valorizzare e inserire in un circuito archeologico provinciale. Tra i più significativi si segnalano il Tempio Italico di Vastogirardi e il Castello di Longano che sono anche progetti PIT.

Dipinti – I beni architettonici di pregio di solito sono arricchiti da dipinti di pregevole fattura: affreschi del IX secolo e tele del '700 raffiguranti figure e temi sacri.

 

  • Musei

Musei tradizionali – Sono presenti circa 20 musei sul territorio provinciale legati alla tradizione e alla cultura dei luoghi e all’archeologia. Quasi sempre sono ubicati in contenitori storici e soltanto in qualche caso sono stati realizzati edifici di nuova costruzione (Isernia, Castel S.Vincenzo). I musei spesso ci restituiscono un quadro d'insieme di città piccole ma ricche e operose. Raccolgono sculture onorarie e funerarie, bassorilievi in pietra, capitelli romani e sanniti rinvenuti murati o provenienti dalle varie necropoli sparse nel territorio.

 

  • Musei collegati ad attività produttive - Tre sono i musei legati alla tradizione e contemporaneamente all'attività produttiva del luogo: il Museo della zampogna a Scapoli, il Museo dei ferri taglienti a Frosolone e il Museo delle Campane ad Agnone.

 

  • Musei del patrimonio naturalistico - Tesi a restituire un Habitat flora-fauna e a dare un approfondimento della cultura dei luoghi. Gli itinerari naturalistici di cui è ricco il territorio sono una verifica sul campo delle cognizioni acquisite nelle sale espositive e offrono una conoscenza dettagliata delle varie realtà ambientali costituendo essi stessi dei musei il cui percorso è indicato dalla natura. Tra questi musei si segnalano quelli ubicati nei comuni del PNALM (Pizzone, Rocchetta a Voltuno) a Montedimezzo e a Pesche che rientrano tra gli interventi PIT.

 

Azioni sul documento
Strumenti personali