Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
Get the Flash Player to see this rotator.
Tu sei qui: Portale Attività Distretto culturale Sistema folklore, tradizioni, enogastronomia, artigianato
domenica 24 settembre 2017
PIT

Progetti Integrati Territoriali

 

Sistema folklore, tradizioni, enogastronomia, artigianato

 

  • Attività e attrezzature per lo sport – In qualche modo anche alcune tipologie di impianti sportivi rientrano nella cultura dei luoghi in quanto testimoniano una tradizione e una cultura locale. Oltre all’impiantistica tradizionale occorre evidenziare alcune strutture naturali e costruite dall’uomo che appartengono alla cultura dei luoghi quali ad esempio i percorsi fratturali per il turismo equestre e lo sport del cavallo, le piste da sci di fondo di Capracotta e Pescopennataro, le palestre di Roccia della Montagnola di Frosolone, la sentieristica diffusa sul territorio provinciale per il trekking e il monutain-bike e i fiumi per la pesca e la pratica della canoa.

 

  • Infrastrutture turistiche caratteristiche

 

Residenze - Case rurali, che caratterizzano un paesaggio dall'insediamento sparso, trasformati in residenze per il fine settimana. Di tipologie differenti: a due piani con scala esterna con muri in pietra di pezzatura varia con o senza intonaco; con cortile che racchiude la dimora e gli edifici annessi; forme libere organizzate per aggregazioni di corpi.

Ristoranti tipici caratteristici sono quelli che si trovano all'interno degli agriturismi. Offrono prodotti della tradizione culinaria locale provenienti spesso dalle fattorie dei proprietari: carni di pascoli montani, paste fatte artigianalmente ecc. Spesso ad essi è annessa l'azienda agricola che produce vini e salumi.

Agriturismi - Circondati dal verde e da ampi spazi liberi, coniugano amore per la natura, rapporto con gli animali, tranquillità e riposo. Soddisfano coloro che vogliono conoscere il territorio e la cultura contadina locale. Spesso danno la possibilità di effettuare interessanti escursioni a cavallo.

Dimore rurali - Immerse nel verde o all'interno di centri storici, sono casolari in pietra interamente ristrutturati all'interno dei quali sono stati ricavati camere da letto, servizi igienici, spazi comuni e talvolta angoli cottura. Circondati da boschi garantiscono la possibilità di poter fare passeggiate tranquille, lungo i percorsi ricavati nel verde.

Dimore storiche - Residenze d'epoca situate nei centri storici o all'interno di aziende agricole. Talvolta si riconoscono, all'interno dell'area che li racchiude, tracce di strade romane ed elementi architettonici cinquecenteschi. Le facciate in genere sono in stile neoclassico. All'interno sono caratterizzate da sale voltate e talvolta decorate con pitture.

 

  • Infrastrutture - I collegamenti tra la provincia di Isernia e il basso Molise hanno avuto un grande impulso con la realizzazione nel 1978 della strada statale Trignina. Per unire luoghi separati tra loro sono stati realizzati gallerie, cavalcavia e ponti. La ferrovia invece, seguendo ancora i vecchi tracciati, non consente rapidi e facili collegamenti a discapito dei paesi dell'entroterra che essendo carenti di infrastrutture dipendono sempre più dalle città maggiori. Tra le infrastrutture che appartengono alla cultura dei luoghi e in qualche modo ne costituiscono una componente importante sono, ad esempio, il tratto-ferroviario ferrovia Isernia-Sulmona, i ponti ad arco e in pietra, gli acquedotti e le fognature storiche.

 

  • Artigianato – L’artigianato è per questi luoghi una risorsa importante e un modo per tramandare le tradizioni e le suggestioni di questi luoghi. Alcune manifatture hanno varcato i confini regionali e oggi sono conosciute e apprezzate ovunque: è il caso delle campane di Agnone, dei coltelli e delle forbici di Frosolone, le zampogne di Scapoli.

 

  • Prodotti tipici agroalimentari - Le risorse preziose sono tutte legate alla terra e alle tradizioni; il richiamo della genuinità dei prodotti, in questa terra è molto forte. I prodotti tipici per eccellenza sono quelli lattiero-caseari: stracciate, caciocavalli, scamorze, fior di latte ecc. non mancano i prodotti più prelibati quali il cinghiale e il tartufo o quelli provenienti direttamente dalla terra quali l'olivo che trova nel Molise condizioni climatiche idonee.

Aree protette e di elevato valore naturalistico – Cinque comuni della valle del Volturno rientrano nel   Parco Nazionale d’Abruzzo e Lazio, vi sono diverse aree protette (Pesche, Montdimezzo) oltre a una fitta rete di siti di interesse comunitario e di zone di protezione speciale che compongono la rete natura 2000 a scala regionale finalizzata alla tutela delle specie animali e vegetali e degli habitat individuati dalla Comunità Economica Europea. A queste aree si aggiungono zone di elevato valore naturalistico per le quali non è stata ancora riconosciuta alcuna forma di tutela. Si segnalano a tal proposito i progetti del Parco Regionale dell’Alto Molise e del Matese. Tutte queste zone sono rappresentative della cultura dei luoghi in quanto le popolazioni locali hanno vissuto in stretta correlazione con il territorio. Espressioni sono, ad esempio, i pascoli con l’allevamento bovino e ovi-caprino,  la lavorazione del legno, le attività collegate ai prodotti del sottobosco

 

 

Azioni sul documento
Strumenti personali